Notizie

I veicoli elettrici saranno più economici delle auto a benzina entro il 2027

Secondo un nuovo studio BloombergNEF commissionato da Transport & Environment (T&E), le auto elettriche e i furgoni saranno più economici da produrre rispetto ai veicoli a combustibili fossili in ogni segmento di veicoli leggeri in tutta Europa dal 2027 in poi. La ricerca ha scoperto che i veicoli elettrici a batteria potrebbero raggiungere il 100% delle nuove vendite in tutta l’UE entro il 2035, se i legislatori introducessero misure come obiettivi di CO2 dei veicoli più rigorosi e un forte sostegno per le infrastrutture di ricarica. T&E ha invitato l’UE a inasprire gli obiettivi in materia di emissioni negli anni 2020 e a fissare il 2035 come data di fine per la vendita di nuovi veicoli inquinanti.



Le berline elettriche (segmenti C e D) e i SUV saranno economici da produrre quanto i veicoli a benzina a partire dal 2026, mentre le auto piccole (segmento B) seguiranno nel 2027, prevede BNEF. Rileva che il calo dei costi delle batterie, le nuove architetture dei veicoli e le linee di produzione dedicate per i veicoli elettrici li renderanno in media più economici da acquistare, anche prima dei sussidi.

Ma il primo sviluppo della produzione e della vendita di veicoli elettrici sarà cruciale per ridurre i costi e generare il consenso dei consumatori per un’ulteriore adozione in futuro, ha scoperto BNEF. Solo obiettivi di CO2 più rigorosi per i produttori di veicoli negli anni 2020, incluso un nuovo obiettivo per il 2027, possono garantire questo, ha affermato T&E.

Julia Poliscanova, direttore senior per i veicoli e la mobilità elettrica di T&E, ha dichiarato: “I veicoli elettrici saranno una realtà per tutti i nuovi acquirenti entro sei anni. Saranno più economici dei motori a combustione per tutti, dall’uomo con un furgone a Berlino alla famiglia che vive nella campagna rumena. I veicoli elettrici non sono solo migliori per il clima e la leadership industriale dell’Europa, ma anche per l’economia”.



I furgoni elettrici leggeri saranno più economici dei furgoni diesel dal 2025 e i furgoni elettrici pesanti dal 2026, rileva anche BNEF. Ma oggi, i furgoni elettrici rappresentano solo il 2% delle vendite a causa degli standard di emissioni deboli che non riescono a stimolare i produttori a investire nella loro fornitura. T&E ha affermato che i legislatori dell’UE dovranno fissare obiettivi di CO2 sfidanti per i produttori di furgoni, insieme a quote di vendita di e-van dedicate, per aumentare gli investimenti e il numero di modelli elettrici sul mercato.

Le auto e i furgoni elettrici a batteria potrebbero raggiungere il 100% delle nuove vendite entro il 2035, anche nell’Europa meridionale e orientale, se i legislatori aumentassero gli obiettivi di CO2 dei veicoli e intensificassero altre politiche per stimolare il mercato come una più rapida introduzione dei punti di ricarica. Se lasciate al mercato senza forti politiche aggiuntive, le auto elettriche a batteria raggiungeranno solo una quota di mercato dell’85% e i furgoni elettrici solo l’83% nell’UE entro il 2035, mancando l’obiettivo europeo di decarbonizzare entro il 2050.

Julia Poliscanova ha dichiarato: “Con le giuste politiche, auto e furgoni elettrici a batteria possono raggiungere il 100% delle vendite entro il 2035 nell’Europa occidentale, meridionale e persino orientale. L’UE può fissare una data di fine nel 2035 nella certezza che il mercato è pronto. I nuovi veicoli inquinanti non dovrebbero essere venduti più a lungo del necessario “.



La Commissione europea dovrebbe fissare una data di fine per le vendite di auto a combustibili fossili a giugno, quando proporrà di inasprire gli obiettivi di CO2 delle auto del blocco, ha affermato T&E. Il mese scorso, 27 importanti società europee hanno invitato i legislatori dell’UE a fissare il 2035 come data di fine per la vendita di nuove auto e furgoni con motore a combustione. Un recente sondaggio ha mostrato che il 63% dei residenti urbani in Europa sostiene un divieto dopo il 2030. Almeno sette case automobilistiche e 10 paesi europei hanno annunciato piani per eliminare gradualmente le auto convenzionali. Tuttavia, in assenza di un impegno dell’UE, queste scadenze rimangono volontarie o incerte quanto alla loro applicabilità.

Condividi: