Ambiente

Rivoluzione elettrica: il futuro senza terre rare

L’avanzamento delle auto elettriche è fondamentale per una transizione ecologica nel settore dei trasporti, un passaggio vitale in tutto il mondo, anche in Unione Europea. Quest’ultima prevede di eliminare i motori a combustione interna entro il 2035, sebbene ci possano essere ritardi. Secondo Luca de Meo, leader del gruppo Renault, questo cambiamento è già in atto, obbligando le case automobilistiche a innovare.



Studi, tra cui uno dell’Università di Harvard, hanno rivelato che le auto elettriche diventano più ecologiche dopo 45 mila km, data l’energia impiegata nella produzione delle batterie. La dipendenza dai materiali rari, come i magneti usati nei motori elettrici, è un altro ostacolo. La Cina domina questo mercato, causando preoccupazioni in Europa e in Giappone. Matteo Salvini, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, teme che una politica focalizzata sulle auto elettriche possa rafforzare la posizione di Pechino. Toyota, nota per le sue auto ibride, esprime dubbi su una flotta totalmente elettrica.

terre rare escavatori

Proterial, un’azienda giapponese, sta lavorando su un motore elettrico innovativo che non utilizza magneti di terre rare. Se i test saranno positivi, questo potrebbe rappresentare una svolta nelle tecnologie ecologiche. Il motore “senza terre rare” di Proterial sostituisce i tradizionali magneti al neodimio con quelli in ferrite. Le prime analisi mostrano potenzialità nel ridurre la dipendenza da terre rare e mantenere prestazioni elevate. Proterial ha annunciato che il suo motore a magnete in ferrite ha dimostrato buone performance, paragonabili ai motori tradizionali.

proterial

Proterial ha creato un prototipo del motore per testarlo in condizioni reali, mostrando la sua capacità di generare oltre 100 kW di potenza, adatto per auto plug-in hybrid e BEV. Ciò potrebbe portare grandi benefici sia per le case automobilistiche sia per i governi. I vantaggi del motore Proterial includono la riduzione delle correnti parassite e un miglioramento dell’efficienza. Questo si traduce in una riduzione dei costi operativi e un aumento della durata delle auto elettriche.



Tuttavia, il motore Proterial è ancora in fase sperimentale e richiederà ulteriori test. La sua implementazione potrebbe rivoluzionare l’industria automobilistica e la mobilità, offrendo una strada verso un futuro più pulito ed efficiente. Proterial prevede di lanciare auto elettriche con il nuovo motore entro il 2027, dopo test e feedback dei clienti. L’azienda sta anche esplorando l’uso dei magneti in ferrite in altri settori. Nonostante possibili variazioni dei costi, il progetto si prospetta promettente.

Condividi: