Tecnologia

Ricarica rapida: rivoluzione Polestar e StoreDot

L’evoluzione della mobilità elettrica è sempre più al centro del dibattito globale sulla sostenibilità. L’ultimo capitolo di questa narrazione tecnologica ci viene narrato dalla collaborazione tra Polestar e StoreDot, che hanno segnato un importante passo avanti nel settore delle batterie per veicoli elettrici. Grazie all’impiego della tecnologia Extreme Fast Charging (XFC) di StoreDot, un prototipo di Polestar 5 è stato caricato dal 10% all’80% in soli 10 minuti, stabilendo un nuovo benchmark per la ricarica ultrarapida.



Questo risultato è stato raggiunto utilizzando celle al silicio, che promettono una densità energetica elevata e una maggiore efficienza senza necessità di sistemi di raffreddamento avanzati. Questo tipo di tecnologia, abbinato a stazioni di ricarica ad alta potenza esistenti, dimostra come le batterie XFC siano compatibili con l’infrastruttura attuale, una notizia che potrebbe accelerare notevolmente l’adozione di veicoli elettrici.

Durante il test, è stato registrato un picco di potenza di oltre 370 kW, un livello che evidenzia la rapidità e l’efficienza con cui le future stazioni di ricarica potrebbero operare. Il test, condotto su un veicolo completamente funzionante e non in un ambiente di laboratorio, ha quindi dimostrato praticità e applicabilità reali.

polestar 5 plug

La capacità di ricaricare rapidamente le batterie non è soltanto una comodità; rappresenta una svolta fondamentale per ridurre l’ansia da autonomia, uno dei maggiori ostacoli alla diffusione dei veicoli elettrici. Come ha sottolineato Thomas Ingenlath, CEO di Polestar, questa tecnologia potrebbe rendere il “rifornimento” dei veicoli elettrici comparabile a quello dei veicoli a combustione in termini di tempo, eliminando uno dei principali deterrenti per molti potenziali acquirenti.

Questa innovazione potrebbe anche avere un impatto significativo sulle politiche ambientali globali. Con una ricarica più veloce e accessibile, più persone potrebbero scegliere veicoli elettrici, riducendo così le emissioni di gas serra e l’inquinamento urbano. Inoltre, le caratteristiche di riciclabilità e le migliorate proprietà meccaniche delle batterie XFC possono contribuire a un’economia più circolare e sostenibile nel settore automobilistico.

polestar storedot

Guardando al futuro, è essenziale che l’infrastruttura di ricarica si evolva parallelamente alla tecnologia delle batterie. È necessario un aumento significativo del numero di stazioni di ricarica ad alta potenza per sfruttare appieno il potenziale delle batterie XFC. Questo richiederà un impegno congiunto tra produttori di veicoli, fornitori di tecnologia per batterie e policy maker per assicurare un’implementazione efficace e capillare.

Un altro aspetto da considerare è la formazione e la preparazione del personale tecnico che dovrà gestire e mantenere queste nuove tecnologie. Sarà fondamentale assicurare che ci siano competenze adeguate nel mercato per supportare questa transizione.




La dimostrazione di Polestar e StoreDot rappresenta un importante passo avanti nel percorso verso un futuro più sostenibile e tecnologicamente avanzato. Con la promessa di ridurre drasticamente i tempi di ricarica, la tecnologia XFC potrebbe non solo cambiare la percezione pubblica dei veicoli elettrici ma anche accelerare la loro adozione a livello globale. Affrontare le sfide infrastrutturali e di mercato sarà cruciale per garantire che questa promettente tecnologia possa raggiungere il suo pieno potenziale, facilitando così la transizione verso un futuro a emissioni zero.

Condividi: