Passato

Auto del passato: Fiat 124 Sport Spider

La Fiat 124 Sport Spider nacque come variante decappottabile della berlina Fiat 124 nel 1966, quando venne presentata per la prima volta al Salone dell’Automobile di Torino. L’obiettivo era quello di creare una vettura sportiva e accessibile, ma elegante, in grado di conquistare sia il mercato europeo che quello statunitense. Per dare forma a questa visione, la Fiat si affidò a Pininfarina, una delle più prestigiose carrozzerie italiane, il cui team, guidato dal designer americano di origine olandese Tom Tjaarda, creò un’auto dalla linea armoniosa ed elegante, destinata a diventare iconica.



La 124 Sport Spider presentava un design inconfondibile, caratterizzato da linee fluide e proporzioni equilibrate. Il lungo cofano, la coda corta e la griglia frontale semplice ma raffinata divennero i suoi tratti distintivi, mentre gli interni si distinguevano per il cruscotto in legno e la strumentazione completa, tipica delle auto sportive dell’epoca.

fiat 124 sport spider interni

Sotto la carrozzeria, il motore progettato da Aurelio Lampredi offriva prestazioni eccellenti grazie a un motore a quattro cilindri con doppio albero a camme in testa (DOHC). Il propulsore iniziale da 1438 cc erogava 90 cavalli, permettendo alla Spider di raggiungere una velocità massima di oltre 170 km/h. Nel corso degli anni, il motore venne aggiornato in diverse cilindrate, tra cui 1608 cc, 1756 cc e infine 1995 cc, offrendo sempre maggiori potenza e prestazioni.

fiat 124 sport spider motore

La combinazione tra trazione posteriore e cambio manuale a cinque marce, un’innovazione all’epoca, assicurava un’esperienza di guida coinvolgente. Il telaio a trave, insieme alla carrozzeria autoportante, offriva rigidità strutturale, mentre le sospensioni anteriori indipendenti a quadrilatero deformabile e l’asse posteriore rigido con molle elicoidali garantivano una guida confortevole e una buona tenuta di strada.

fiat 124 sport spider spaccato tecnico

La Fiat 124 Sport Spider riscosse un successo immediato, grazie alle sue prestazioni, al suo stile e al prezzo competitivo. Nel 1968 iniziò l’esportazione verso gli Stati Uniti, dove fu accolta con entusiasmo per la sua combinazione di design italiano e prestazioni accessibili. La vettura rimase in produzione per quasi vent’anni, fino al 1985, con circa 200.000 unità vendute, di cui oltre 170.000 solo negli Stati Uniti. Durante questi anni, la Spider divenne anche una presenza notevole nel mondo delle competizioni sportive, in particolare nei rally, con la versione Abarth Rally sviluppata dalla divisione sportiva Abarth.

fiat 124 sport coupè rally

Nel 2016, la Fiat decise di riportare in vita il nome leggendario della 124 Spider, sviluppando un nuovo modello in collaborazione con Mazda. Basata sulla piattaforma della Mazda MX-5, la nuova 124 Spider riprendeva gli elementi stilistici del modello originale, ma con un motore turbo a quattro cilindri da 1.4 litri, rendendola un degno omaggio alla sua antenata.

fiat 124 2016 los angeles

Oggi, la Fiat 124 Sport Spider è ricordata come una delle auto più iconiche prodotte dalla casa torinese, simbolo dell’eccellenza stilistica e ingegneristica italiana degli anni ’60 e ’70. La sua storia è indissolubilmente legata alla creatività di Pininfarina e all’innovazione meccanica di Aurelio Lampredi. Nonostante il tempo trascorso, continua ad essere amata e ricercata dagli appassionati di auto storiche, mantenendo viva la memoria di un’epoca d’oro dell’automobilismo.

Condividi: