Passato

Auto del passato: Maserati Khamsin

La Maserati Khamsin, un gioiello automobilistico degli anni ’70, rappresenta una combinazione perfetta di eleganza, potenza e ingegneria innovativa. Progettata da uno dei più grandi nomi del design automobilistico, Marcello Gandini, per Bertone, la Khamsin è stata introdotta al Salone dell’Automobile di Torino nel 1972, entrando ufficialmente in produzione nel 1974. Questa vettura ha lasciato un’impronta indelebile nella storia automobilistica grazie al suo design distintivo e alle sue prestazioni eccezionali.



Marcello Gandini è uno dei designer più influenti del XX secolo, noto per il suo lavoro con Bertone e per la creazione di alcune delle auto sportive più iconiche al mondo. Prima di lavorare sulla Khamsin, Gandini aveva già progettato capolavori come la Lamborghini Miura e la Countach, stabilendo un linguaggio di design rivoluzionario caratterizzato da linee angolari e audaci. Presentata al pubblico nel 1972, la Khamsin ha subito catturato l’attenzione per il suo design futuristico. Il nome “Khamsin” deriva da un vento desertico egiziano, sottolineando la natura potente e selvaggia dell’auto. La produzione è iniziata nel 1974 e si è protratta fino al 1982, con un totale di circa 430 esemplari prodotti.

maserati khamsin presentazione

Sotto il cofano, la Khamsin era equipaggiata con un motore V8 da 4,9 litri, capace di erogare 320 cavalli. Questo potente motore permetteva alla vettura di raggiungere una velocità massima di circa 270 km/h e di accelerare da 0 a 100 km/h in meno di sei secondi. La Khamsin utilizzava una trasmissione manuale a cinque marce, offrendo una guida coinvolgente e dinamica.

maserati khamsin motore v8

Uno degli aspetti più distintivi della Khamsin era il suo design esterno. Marcello Gandini ha adottato un approccio audace, con linee nette e superfici piatte che conferivano all’auto un aspetto avveniristico. Una delle caratteristiche più uniche era la coda in vetro trasparente, che offriva una visibilità posteriore eccezionale, una soluzione innovativa per l’epoca.

maserati khamsin rear

L’interno della Khamsin era altrettanto impressionante, con una disposizione ergonomica del cruscotto e materiali di alta qualità. L’abitacolo era progettato per offrire comfort e lusso, con sedili in pelle, strumentazione completa e finiture artigianali.

maserati khamsin interni

Nonostante le sue qualità eccezionali, la Maserati Khamsin non ha ottenuto il successo commerciale sperato durante i suoi anni di produzione. Diversi fattori hanno contribuito a questo, tra cui la crisi petrolifera degli anni ’70 e la concorrenza agguerrita di altre case automobilistiche. Tuttavia, la Khamsin ha guadagnato uno status iconico tra gli appassionati di auto d’epoca e i collezionisti. La sua rarità e il design distintivo la rendono una vettura molto ricercata nei mercati delle auto da collezione. Negli ultimi anni, il valore della Khamsin è aumentato significativamente, riflettendo la sua crescente popolarità.

maserati khamsin brochure

La Maserati Khamsin è spesso descritta come un esempio di “origami automobilistico” per le sue linee angolari e il design complesso. Durante il periodo di produzione della Khamsin, Maserati era controllata da Citroën, il che portò all’adozione di alcune tecnologie avanzate come il sistema idraulico utilizzato per la sterzata e i freni. Nonostante le vendite limitate, la Khamsin ha consolidato la reputazione di Marcello Gandini come uno dei designer più visionari del settore automobilistico.



La Maserati Khamsin è molto più di un’auto d’epoca; è un simbolo di un’era di innovazione e design audace. Con il suo motore potente, il design unico e la firma di un maestro come Marcello Gandini, la Khamsin continua a essere celebrata come una delle auto più affascinanti della sua epoca. Per gli appassionati di auto d’epoca, possedere una Khamsin è come possedere un pezzo di storia automobilistica, un testamento all’ingegnosità e all’eleganza senza tempo di Maserati.

Condividi: